A A A A A

Misteri: [Dinosauri]


Isaia 27:1
In quel giorno, il SIGNORE punirà con la sua spada dura, grande e forte, il leviatano, l' agile serpente, il leviatano, il serpente tortuoso, e ucciderà il mostro che è nel mare!

Genesi 1:21
Dio creò i grandi animali acquatici e tutti gli esseri viventi che si muovono, e che le acque produssero in abbondanza secondo la loro specie, e ogni volatile secondo la sua specie. Dio vide che questo era buono.

Salmi 104:26
Là viaggiano le navi e là nuota il leviatano che hai creato perché vi si diverta.

Romani 1:18
L' ira di Dio si rivela dal cielo contro ogni empietà e ingiustizia degli uomini che soffocano la verità con l' ingiustizia;

Genesi 1:24-31
[24] Poi Dio disse: «Produca la terra animali viventi secondo la loro specie: bestiame, rettili e animali selvatici della terra, secondo la loro specie». E così fu.[25] Dio fece gli animali selvatici della terra secondo le loro specie, il bestiame secondo le sue specie e tutti i rettili della terra secondo le loro specie. Dio vide che questo era buono.[26] Poi Dio disse: «Facciamo l' uomo a nostra immagine, conforme alla nostra somiglianza, e abbia dominio sui pesci del mare, sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutta la terra e su tutti i rettili che strisciano sulla terra».[27] Dio creò l' uomo a sua immagine; lo creò a immagine di Dio; li creò maschio e femmina.[28] Dio li benedisse; e Dio disse loro: «Siate fecondi e moltiplicatevi; riempite la terra, rendetevela soggetta, dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e sopra ogni animale che si muove sulla terra».[29] Dio disse: «Ecco, io vi do ogni erba che fa seme sulla superficie di tutta la terra, e ogni albero fruttifero che fa seme; questo vi servirà di nutrimento.[30] A ogni animale della terra, a ogni uccello del cielo e a tutto ciò che si muove sulla terra e ha in sé un soffio di vita, io do ogni erba verde per nutrimento». E così fu.[31] Dio vide tutto quello che aveva fatto, ed ecco, era molto buono. Fu sera, poi fu mattina: sesto giorno.

Giobbe 40:15-24
[15] «Guarda l' ippopotamo che ho fatto al pari di te; esso mangia l' erba come il bue.[16] Ecco la sua forza è nei suoi lombi, il suo vigore nei muscoli del ventre.[17] Stende rigida come un cedro la coda; i nervi delle sue cosce sono intrecciati insieme.[18] Le sue ossa sono tubi di bronzo; le sue membra, sbarre di ferro.[19] Esso è il capolavoro di Dio; colui che lo fece l' ha fornito di falce,[20] perché i monti gli producono la pastura; là tutte le bestie dei campi gli scherzano intorno.[21] Si sdraia sotto i loti, nel folto dei canneti, in mezzo alle paludi.[22] I loti lo coprono della loro ombra, i salici del torrente lo circondano.[23] Straripi pure il fiume, esso non trema; rimane calmo, anche se avesse un Giordano alla gola.[24] Potrebbe qualcuno impadronirsene assalendolo di fronte, o prenderlo con le reti per forargli il naso?

Giobbe 41:1-10
[1] (0040-25) Prenderai forse il coccodrillo all' amo? Gli assicurerai la lingua con la corda?[2] (0040-26) Gli passerai un giunco per le narici? Gli forerai le mascelle con l' uncino?[3] (0040-27) Ti rivolgerà esso molte suppliche? Ti dirà delle parole dolci?[4] (0040-28) Farà esso alleanza con te, perché tu lo prenda per sempre al tuo servizio?[5] (0040-29) Scherzerai con lui come fosse un uccello? L' attaccherai a un filo per divertire le tue ragazze?[6] (0040-30) Ne trafficheranno forse i pescatori? Lo spartiranno essi fra i negozianti?[7] (0040-31) Gli coprirai la pelle di frecce e la testa di ramponi?[8] (0040-32) Mettigli un po' le mani addosso![9] (0041-1) «Ti ricorderai del combattimento e non ci tornerai! Ecco, è vana la speranza di chi lo assale; basta scorgerlo e uno soccombe.[10] (0041-2) Nessuno è tanto ardito da provocarlo. E chi dunque oserà starmi di fronte?

Giosué 10:1-10
[1] Quando Adoni-Sedec, re di Gerusalemme, udì che Giosuè aveva preso Ai e l' aveva votata allo sterminio, che aveva trattato Ai e il suo re nel modo in cui aveva trattato Gerico e il suo re, che gli abitanti di Gabaon avevano fatto la pace con gl' Israeliti ed erano in mezzo a loro,[2] fu tutto spaventato. Infatti Gabaon era una città grande come una delle città regali, anche più grande di Ai, e tutti gli uomini suoi erano valorosi.[3] Perciò Adoni-Sedec, re di Gerusalemme, mandò a dire a Oam re di Ebron, a Piram re di Iarmut, a Iafia re di Lachis e a Debir re di Eglon:[4] «Salite da me, soccorretemi e noi batteremo Gabaon, perché ha fatto la pace con Giosuè e con i figli d' Israele».[5] Cinque re degli Amorei, il re di Gerusalemme, il re di Ebron, il re di Iarmut, il re di Lachis e il re di Eglon si radunarono, salirono con tutti i loro eserciti, si accamparono di fronte a Gabaon e l' attaccarono.[6] Allora i Gabaoniti mandarono a dire a Giosuè, all' accampamento di Ghilgal: «Non negare ai tuoi servi il tuo aiuto; affrèttati a salire da noi, liberaci, soccorrici, perché tutti i re degli Amorei che abitano la regione montuosa si sono radunati contro di noi».[7] Giosuè dunque salì da Ghilgal, con tutta la gente di guerra e con tutti gli uomini segnalati per valore.[8] E il SIGNORE disse a Giosuè: «Non li temere, perché io li ho dati in tuo potere; nessuno di loro potrà resistere di fronte a te».[9] Così Giosuè piombò loro addosso all' improvviso: aveva marciato tutta la notte da Ghilgal.[10] E il SIGNORE li mise in rotta davanti a Israele, che inflisse loro una grande sconfitta presso Gabaon, li inseguì per la via che sale a Bet-Oron, e li batté fino ad Azeca e a Maccheda.

Italian Bible NR 1994
Copyright © 1994 Società Biblica di Ginevra