A A A A A

Chiesa: [Falsi insegnanti]


Ezechiele 13:9
La mia mano sarà sopra i profeti dalle false visioni e dai vaticini bugiardi; non avranno parte nell`assemblea del mio popolo, non saranno scritti nel libro d`Israele e non entreranno nel paese d`Israele: saprete che io sono il Signore Dio,

Geremia 23:16
Così dice il Signore degli eserciti: "Non ascoltate le parole dei profeti che profetizzano per voi; essi vi fanno credere cose vane, vi annunziano fantasie del loro cuore, non quanto viene dalla bocca del Signore.

Luca 6:26
Guai quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti facevano i loro padri con i falsi profeti.

Matteo 24:24
Sorgeranno infatti falsi cristi e falsi profeti e faranno grandi portenti e miracoli, così da indurre in errore, se possibile, anche gli eletti.

Matteo 16:11-12
[11] Come mai non capite ancora che non alludevo al pane quando vi ho detto: Guardatevi dal lievito dei farisei e dei sadducei?[12] Allora essi compresero che egli non aveva detto che si guardassero dal lievito del pane, ma dalla dottrina dei farisei e dei sadducei.

2 Timoteo 4:3-4
[3] Verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, per il prurito di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo le proprie voglie,[4] rifiutando di dare ascolto alla verità per volgersi alle favole.

2 Timoteo 4:3-4
[3] Verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, per il prurito di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo le proprie voglie,[4] rifiutando di dare ascolto alla verità per volgersi alle favole.

Atti 20:28-30
[28] Vegliate su voi stessi e su tutto il gregge, in mezzo al quale lo Spirito Santo vi ha posti come vescovi a pascere la Chiesa di Dio, che egli si è acquistata con il suo sangue.[29] Io so che dopo la mia partenza entreranno fra voi lupi rapaci, che non risparmieranno il gregge;[30] perfino di mezzo a voi sorgeranno alcuni a insegnare dottrine perverse per attirare discepoli dietro di sé.

2 Pietro 3:14-18
[14] Perciò, carissimi, nell`attesa di questi eventi, cercate d`essere senza macchia e irreprensibili davanti a Dio, in pace.[15] La magnanimità del Signore nostro giudicatela come salvezza, come anche il nostro carissimo fratello Paolo vi ha scritto, secondo la sapienza che gli è stata data;[16] così egli fa in tutte le lettere, in cui tratta di queste cose. In esse ci sono alcune cose difficili da comprendere e gli ignoranti e gli instabili le travisano, al pari delle altre Scritture, per loro propria rovina.[17] Voi dunque, carissimi, essendo stati preavvisati, state in guardia per non venir meno nella vostra fermezza, travolti anche voi dall`errore degli empi;[18] ma crescete nella grazia e nella conoscenza del Signore nostro e salvatore Gesù Cristo. A lui la gloria, ora e nel giorno dell`eternità. Amen!

1 Giovanni 4:1-6
[1] Carissimi, non prestate fede a ogni ispirazione, ma mettete alla prova le ispirazioni, per saggiare se provengono veramente da Dio, perché molti falsi profeti sono comparsi nel mondo.[2] Da questo potete riconoscere lo spirito di Dio: ogni spirito che riconosce che Gesù Cristo è venuto nella carne, è da Dio;[3] ogni spirito che non riconosce Gesù, non è da Dio. Questo è lo spirito dell`anticristo che, come avete udito, viene, anzi è già nel mondo.[4] Voi siete da Dio, figlioli, e avete vinto questi falsi profeti, perché colui che è in voi è più grande di colui che è nel mondo.[5] Costoro sono del mondo, perciò insegnano cose del mondo e il mondo li ascolta.[6] Noi siamo da Dio. Chi conosce Dio ascolta noi; chi non è da Dio non ci ascolta. Da ciò noi distinguiamo lo spirito della verità e lo spirito dell`errore.

Matteo 7:15-20
[15] Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro son lupi rapaci.[16] Dai loro frutti li riconoscerete. Si raccoglie forse uva dalle spine, o fichi dai rovi?[17] Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi;[18] un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni.[19] Ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco.[20] Dai loro frutti dunque li potrete riconoscere.

2 Pietro 1:12-21
[12] Perciò penso di rammentarvi sempre queste cose, benché le sappiate e stiate saldi nella verità che possedete.[13] Io credo giusto, finché sono in questa tenda del corpo, di tenervi desti con le mie esortazioni,[14] sapendo che presto dovrò lasciare questa mia tenda, come mi ha fatto intendere anche il Signore nostro Gesù Cristo.[15] E procurerò che anche dopo la mia partenza voi abbiate a ricordarvi di queste cose.[16] Infatti, non per essere andati dietro a favole artificiosamente inventate vi abbiamo fatto conoscere la potenza e la venuta del Signore nostro Gesù Cristo, ma perché siamo stati testimoni oculari della sua grandezza.[17] Egli ricevette infatti onore e gloria da Dio Padre quando dalla maestosa gloria gli fu rivolta questa voce: "Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto".[18] Questa voce noi l`abbiamo udita scendere dal cielo mentre eravamo con lui sul santo monte.[19] E così abbiamo conferma migliore della parola dei profeti, alla quale fate bene a volgere l`attenzione, come a lampada che brilla in un luogo oscuro, finché non spunti il giorno e la stella del mattino si levi nei vostri cuori.[20] Sappiate anzitutto questo: nessuna scrittura profetica va soggetta a privata spiegazione,[21] poiché non da volontà umana fu recata mai una profezia, ma mossi da Spirito Santo parlarono quegli uomini da parte di Dio.

Tito 1:6-16
[6] il candidato deve essere irreprensibile, sposato una sola volta, con figli credenti e che non possano essere accusati di dissolutezza o siano insubordinati.[7] Il vescovo infatti, come amministratore di Dio, dev`essere irreprensibile: non arrogante, non iracondo, non dedito al vino, non violento, non avido di guadagno disonesto,[8] ma ospitale, amante del bene, assennato, giusto, pio, padrone di sé,[9] attaccato alla dottrina sicura, secondo l`insegnamento trasmesso, perché sia in grado di esortare con la sua sana dottrina e di confutare coloro che contraddicono.[10] Vi sono infatti, soprattutto fra quelli che provengono dalla circoncisione, molti spiriti insubordinati, chiacchieroni e ingannatori della gente.[11] A questi tali bisogna chiudere la bocca, perché mettono in scompiglio intere famiglie, insegnando per amore di un guadagno disonesto cose che non si devono insegnare.[12] Uno dei loro, proprio un loro profeta, già aveva detto: "I Cretesi son sempre bugiardi, male bestie, ventri pigri".[13] Questa testimonianza è vera. Perciò correggili con fermezza, perché rimangano nella sana dottrina[14] e non diano più retta a favole giudaiche e a precetti di uomini che rifiutano la verità.[15] Tutto è puro per i puri; ma per i contaminati e gli infedeli nulla è puro; sono contaminate la loro mente e la loro coscienza.[16] Dichiarano di conoscere Dio, ma lo rinnegano con i fatti, abominevoli come sono, ribelli e incapaci di qualsiasi opera buona.

2 Pietro 2:1-22
[1] Ci sono stati anche falsi profeti tra il popolo, come pure ci saranno in mezzo a voi falsi maestri che introdurranno eresie perniciose, rinnegando il Signore che li ha riscattati e attirandosi una pronta rovina.[2] Molti seguiranno le loro dissolutezze e per colpa loro la via della verità sarà coperta di impropèri.[3] Nella loro cupidigia vi sfrutteranno con parole false; ma la loro condanna è già da tempo all`opera e la loro rovina è in agguato.[4] Dio infatti non risparmiò gli angeli che avevano peccato, ma li precipitò negli abissi tenebrosi dell`inferno, serbandoli per il giudizio;[5] non risparmiò il mondo antico, ma tuttavia con altri sette salvò Noè, banditore di giustizia, mentre faceva piombare il diluvio su un mondo di empi;[6] condannò alla distruzione le città di Sòdoma e Gomorra, riducendole in cenere, ponendo un esempio a quanti sarebbero vissuti empiamente.[7] Liberò invece il giusto Lot, angustiato dal comportamento immorale di quegli scellerati.[8] Quel giusto infatti, per ciò che vedeva e udiva mentre abitava in mezzo a loro, si tormentava ogni giorno nella sua anima giusta per tali ignominie.[9] Il Signore sa liberare i pii dalla prova e serbare gli empi per il castigo nel giorno del giudizio,[10] soprattutto coloro che nelle loro impure passioni vanno dietro alla carne e disprezzano il Signore. Temerari, arroganti, non temono d`insultare gli esseri gloriosi decaduti,[11] mentre gli angeli, a loro superiori per forza e potenza, non portano contro di essi alcun giudizio offensivo davanti al Signore.[12] Ma costoro, come animali irragionevoli nati per natura a essere presi e distrutti, mentre bestemmiano quel che ignorano, saranno distrutti nella loro corruzione,[13] subendo il castigo come salario dell`iniquità. Essi stimano felicità il piacere d`un giorno; sono tutta sporcizia e vergogna; si dilettano dei loro inganni mentre fan festa con voi;[14] han gli occhi pieni di disonesti desideri e sono insaziabili di peccato, adescano le anime instabili, hanno il cuore rotto alla cupidigia, figli di maledizione![15] Abbandonata la retta via, si sono smarriti seguendo la via di Balaàm di Bosòr, che amò un salario di iniquità,[16] ma fu ripreso per la sua malvagità: un muto giumento, parlando con voce umana, impedì la demenza del profeta.[17] Costoro sono come fonti senz`acqua e come nuvole sospinte dal vento: a loro è riserbata l`oscurità delle tenebre.[18] Con discorsi gonfiati e vani adescano mediante le licenziose passioni della carne coloro che si erano appena allontanati da quelli che vivono nell`errore.[19] Promettono loro libertà, ma essi stessi sono schiavi della corruzione. Perché uno è schiavo di ciò che l`ha vinto.[20] Se infatti, dopo aver fuggito le corruzioni del mondo per mezzo della conoscenza del Signore e salvatore Gesù Cristo, ne rimangono di nuovo invischiati e vinti, la loro ultima condizione è divenuta peggiore della prima.[21] Meglio sarebbe stato per loro non aver conosciuto la via della giustizia, piuttosto che, dopo averla conosciuta, voltar le spalle al santo precetto che era stato loro dato.[22] Si è verificato per essi il proverbio: Il cane è tornato al suo vomito e la scrofa lavata è tornata ad avvoltolarsi nel brago.

Matteo 23:1-29
[1] Allora Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo:[2] "Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei.[3] Quanto vi dicono, fatelo e osservatelo, ma non fate secondo le loro opere, perché dicono e non fanno.[4] Legano infatti pesanti fardelli e li impongono sulle spalle della gente, ma loro non vogliono muoverli neppure con un dito.[5] Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dagli uomini: allargano i loro filattèri e allungano le frange;[6] amano posti d`onore nei conviti, i primi seggi nelle sinagoghe[7] e i saluti nelle piazze, come anche sentirsi chiamare "rabbì``dalla gente.[8] Ma voi non fatevi chiamare "rabbì``, perché uno solo è il vostro maestro e voi siete tutti fratelli.[9] E non chiamate nessuno "padre" sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello del cielo. [[10] ]E non fatevi chiamare "maestri`, perché uno solo è il vostro Maestro, il Cristo.[11] Il più grande tra voi sia vostro servo;[12] chi invece si innalzerà sarà abbassato e chi si abbasserà sarà innalzato.[13] Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il regno dei cieli davanti agli uomini; perché così voi non vi entrate, e non lasciate entrare nemmeno quelli che vogliono entrarci [[14] ].[15] Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che percorrete il mare e la terra per fare un solo proselito e, ottenutolo, lo rendete figlio della Geenna il doppio di voi.[16] Guai a voi, guide cieche, che dite: Se si giura per il tempio non vale, ma se si giura per l`oro del tempio si è obbligati.[17] Stolti e ciechi: che cosa è più grande, l`oro o il tempio che rende sacro l`oro?[18] E dite ancora: Se si giura per l`altare non vale, ma se si giura per l`offerta che vi sta sopra, si resta obbligati.[19] Ciechi! Che cosa è più grande, l`offerta o l`altare che rende sacra l`offerta?[20] Ebbene, chi giura per l`altare, giura per l`altare e per quanto vi sta sopra;[21] e chi giura per il tempio, giura per il tempio e per Colui che l`abita.[22] E chi giura per il cielo, giura per il trono di Dio e per Colui che vi è assiso.[23] Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pagate la decima della menta, dell`anèto e del cumìno, e trasgredite le prescrizioni più gravi della legge: la giustizia, la misericordia e la fedeltà. Queste cose bisognava praticare, senza omettere quelle.[24] Guide cieche, che filtrate il moscerino e ingoiate il cammello![25] Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pulite l`esterno del bicchiere e del piatto mentre all`interno sono pieni di rapina e d`intemperanza.[26] Fariseo cieco, pulisci prima l`interno del bicchiere, perché anche l`esterno diventi netto![27] Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che rassomigliate a sepolcri imbiancati: essi all`esterno son belli a vedersi, ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni putridume.[28] Così anche voi apparite giusti all`esterno davanti agli uomini, ma dentro siete pieni d`ipocrisia e d`iniquità.[29] Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che innalzate i sepolcri ai profeti e adornate le tombe dei giusti,

Italian Bible CEI 1971
Public Domain: CEI 1971