A A A A A

Synder: [Forbandelsen]


Kolossenserne 3:8
Men nu skulle også I aflægge det alt sammen, Vrede, Hidsighed, Ondskab, Forhånelse, slem Snak af eders Mund.

Kolossenserne 4:6
Eders Tale være altid med Ynde, krydret med Salt, så I vide, hvorledes I bør svare enhver især.

Efeserne 4:29
Lad ingen rådden Tale udgå af eders Mund, men sådan Tale, som er god til fornøden Opbyggelse, for at den kan skaffe dem Nåde, som høre derpå;

Efeserne 5:4
ej heller ublu Væsen eller dårlig Snak eller letfærdig Skæmt, hvilket er utilbørligt, men hellere Taksigelse.

2 Mosebog 20:7
Non pronunciare il nome del SIGNORE, Dio tuo, invano; perché il SIGNORE non riterrà innocente chi pronuncia il suo nome invano.

Jakobs 1:26
Se uno pensa di essere religioso, ma poi non tiene a freno la sua lingua e inganna sé stesso, la sua religione è vana.

Jakobs 3:10
Dalla medesima bocca escono benedizioni e maledizioni. Fratelli miei, non dev' essere così.

Jakobs 3:5-12
[5] Così anche la lingua è un piccolo membro, eppure si vanta di grandi cose. Osservate: un piccolo fuoco può incendiare una grande foresta![6] Anche la lingua è un fuoco, è il mondo dell' iniquità. Posta com' è fra le nostre membra, contamina tutto il corpo e, infiammata dalla geenna, dà fuoco al ciclo della vita.[7] Ogni specie di bestie, uccelli, rettili e animali marini si può domare, ed è stata domata dalla razza umana;[8] ma la lingua, nessun uomo la può domare; è un male continuo, è piena di veleno mortale.[9] Con essa benediciamo il Signore e Padre; e con essa malediciamo gli uomini che sono fatti a somiglianza di Dio.[10] Dalla medesima bocca escono benedizioni e maledizioni. Fratelli miei, non dev' essere così.[11] La sorgente getta forse dalla medesima apertura il dolce e l' amaro?[12] Può forse, fratelli miei, un fico produrre olive, o una vite fichi? Neppure una sorgente salata può dare acqua dolce.

3 Mosebog 20:9
Chiunque maledice suo padre o sua madre dovrà essere messo a morte; ha maledetto suo padre o sua madre; il suo sangue ricadrà su di lui.

Lukas 6:28
benedite quelli che vi maledicono, pregate per quelli che vi oltraggiano.

Matthæus 5:22
ma io vi dico: chiunque si adira contro suo fratello sarà sottoposto al tribunale; e chi avrà detto a suo fratello: "Raca" sarà sottoposto al sinedrio; e chi gli avrà detto: "Pazzo!" sarà condannato alla geenna del fuoco.

1 Peters 3:10
Infatti: «Chi vuole amare la vita e vedere giorni felici, trattenga la sua lingua dal male e le sue labbra dal dire il falso;

Matthæus 15:11
non quello che entra nella bocca contamina l' uomo; ma è quello che esce dalla bocca, che contamina l' uomo!»

Ordsprogenes 18:21
Morte e vita sono in potere della lingua; chi l' ama ne mangerà i frutti.

Salmernes 109:17
Egli ha amato la maledizione: essa ricada su di lui! Non si è compiaciuto nella benedizione: questa se ne stia lontana da lui!

Romerne 12:14
Benedite quelli che vi perseguitano. Benedite e non maledite.

2 Kongebog 2:23-24
[23] Poi di là Eliseo salì a Betel; e, mentre camminava per la via, uscirono dalla città dei ragazzini, i quali lo beffeggiavano, dicendo: «Sali, calvo! Sali, calvo!»[24] Egli si voltò, li vide, e li maledisse nel nome del SIGNORE. Allora due orse uscirono dal bosco e sbranarono quarantadue di quei ragazzi.

Matthæus 15:10-11
[10] Chiamata a sé la folla, disse loro: «Ascoltate e intendete:[11] non quello che entra nella bocca contamina l' uomo; ma è quello che esce dalla bocca, che contamina l' uomo!»

Jakobs 3:8-10
[8] ma la lingua, nessun uomo la può domare; è un male continuo, è piena di veleno mortale.[9] Con essa benediciamo il Signore e Padre; e con essa malediciamo gli uomini che sono fatti a somiglianza di Dio.[10] Dalla medesima bocca escono benedizioni e maledizioni. Fratelli miei, non dev' essere così.

Matthæus 15:18-20
[18] Amma hayey kaŋ yaŋ ga fun me ra, bine do no i ga fun, ngey no ga boro ziibandi.[19] Zama miila laaley, da boro wiyaŋ, da zina* kulu dumi, da zaytaray, da tangari seeda, da Irikoy gaa alaasirayyaŋ, bine do no i ga fun.[20] Woodin yaŋ dumi no ga boro ziibandi. Amma i ma ŋwa da kambe kaŋ mana nyun, woodin si boro ziibandi.»

Zarma Bible
Public Domain: No Info