A A A A A
Facebook Instagram Twitter
Italiana Bibbia (TILC) 2014

1 Giovanni 3



1
Vedete come ci ha voluto bene il Padre! Egli ci ha chiamati a essere suoi figli. E noi lo siamo davvero. Perciò il mondo non ci capisce. Il mondo non ha capito neppure Gesù!
2
Miei cari, ora siamo figli di Dio; quel che saremo non si vede ancora. Ma quando Gesù ritornerà, saremo simili a lui, perché lo vedremo come è realmente.
3
Come Cristo è puro, tutti quelli che fondano in lui la loro speranza si purificano dal male.
4
Chi commette il peccato va contro la legge di Dio, perché peccare vuol dire mettersi contro la sua volontà.
5
Voi sapete che Gesù è venuto tra noi per togliere di mezzo il peccato. In lui non c' è peccato.
6
Chiunque rimane unito a Gesù non pecca più. Se pecca ancora, dimostra di non aver veramente veduto Gesù, e di non averlo capito.
7
Figli miei, non lasciatevi ingannare da nessuno! Chi fa la volontà di Dio è giusto, così come Gesù è giusto.
8
Chi commette il peccato appartiene al diavolo, perché il diavolo vive da sempre nel peccato. Gesù, il Figlio di Dio, è venuto proprio per distruggere le opere del diavolo.
9
Chi è diventato figlio di Dio non vive più nel peccato, perché ha ricevuto la vita di Dio. Non può continuare a peccare, perché è diventato figlio di Dio.
10
Così si distinguono i figli di Dio dai figli del diavolo: se uno non fa la volontà di Dio e non ama suo fratello, dimostra di non appartenere a Dio.
11
Fin da principio vi abbiamo insegnato questo: che dobbiamo amarci gli uni gli altri.
12
Allora non facciamo come Caino: egli apparteneva al diavolo e uccise Abele suo fratello. Sapete perché lo uccise? Perché le opere di Caino erano cattive e quelle di Abele erano buone.
13
Fratelli, non meravigliatevi se il mondo vi odia.
14
Noi sappiamo che dalla morte siamo passati alla vita. La prova è questa: che amiamo i nostri fratelli. Chi non ama il prossimo è ancora sotto il dominio della morte.
15
Chi odia il suo prossimo è un assassino. Voi lo sapete: se uno uccide il prossimo, la vita eterna non rimane in lui.
16
Noi abbiamo capito che cosa vuol dire amare il prossimo, perché Cristo ha dato la sua vita per noi. Anche noi dobbiamo dare la nostra vita per i fratelli.
17
Se uno ha di che vivere e vede un fratello bisognoso, ma non ha compassione e non lo aiuta, come fa a dire: "Io amo Dio"?
18
Figli miei, vogliamoci bene sul serio, a fatti. Non solo a parole o con bei discorsi!
19
Ecco come sapremo che la verità ci ha generati. Allora non avremo più paura davanti a Dio.
20
Anche se il nostro cuore ci condanna, Dio è più grande del nostro cuore. Egli conosce ogni cosa.
21
Se invece, miei cari, il nostro cuore non ci condanna, noi ci possiamo rivolgere a Dio con piena libertà.
22
Da lui riceveremo tutto quello che gli domandiamo in preghiera, perché osserviamo i suoi comandamenti, e facciamo quello che a lui piace.
23
Il comandamento di Dio è questo: che crediamo in Gesù Cristo, suo Figlio, e che ci amiamo gli uni gli altri, come ci ha ordinato.
24
Chi mette in pratica i suoi comandamenti rimane unito a Dio e Dio è con lui. La prova che Dio rimane presente in noi è questa: lo Spirito che Dio ci ha dato.











1 Giovanni 3:1
1 Giovanni 3:2
1 Giovanni 3:3
1 Giovanni 3:4
1 Giovanni 3:5
1 Giovanni 3:6
1 Giovanni 3:7
1 Giovanni 3:8
1 Giovanni 3:9
1 Giovanni 3:10
1 Giovanni 3:11
1 Giovanni 3:12
1 Giovanni 3:13
1 Giovanni 3:14
1 Giovanni 3:15
1 Giovanni 3:16
1 Giovanni 3:17
1 Giovanni 3:18
1 Giovanni 3:19
1 Giovanni 3:20
1 Giovanni 3:21
1 Giovanni 3:22
1 Giovanni 3:23
1 Giovanni 3:24






1 Giovanni 1 / 1Gio 1
1 Giovanni 2 / 1Gio 2
1 Giovanni 3 / 1Gio 3
1 Giovanni 4 / 1Gio 4
1 Giovanni 5 / 1Gio 5