Instagram
English
A A A A A
Giudici 3:1-31
1. Queste sono le nazioni che il Signore risparmiò allo scopo di mettere alla prova Israele per mezzo loro, cioè quanti non avevano visto le guerre di Canaan.
2. Ciò avvenne soltanto per l`istruzione delle nuove generazioni degli Israeliti, perchè imparassero la guerra, quelli, per lo meno, che prima non l`avevano mai vista:
3. i cinque capi dei Filistei, tutti i Cananei, quei di Sidòne e gli Evei, che abitavano le montagne del Libano, dal monte Baal-Ermon fino all`ingresso di Amat.
4. Queste nazioni servirono a mettere Israele alla prova per vedere se Israele avrebbe obbedito ai comandi, che il Signore aveva dati ai loro padri per mezzo di Mosè.
5. Così gli Israeliti abitarono in mezzo ai Cananei, agli Hittiti, agli Amorrei, ai Perizziti, agli Evei e ai Gebusei;
6. presero in mogli le figlie di essi, maritarono le proprie figlie con i loro figli e servirono i loro dei.
7. Gli Israeliti fecero ciò che è male agli occhi del Signore; dimenticarono il Signore loro Dio e servirono i Baal e le Asere.
8. Perciò l`ira del Signore si accese contro Israele e li mise nelle mani di Cusan-Risataim, re del Paese dei due fiumi; gli Israeliti furono servi di Cusan-Risataim per otto anni.
9. Poi gli Israeliti gridarono al Signore, e il Signore suscitò loro un liberatore, Otniel, figlio di Kenaz, fratello minore di Caleb, ed egli li liberò.
10. Lo spirito del Signore fu su di lui ed egli fu giudice d`Israele; uscì a combattere e il Signore gli diede nelle mani Cusan-Risataim, re di Aram; la sua mano fu potente contro Cusan-Risataim.
11. Il paese rimase in pace per quarant`anni, poi Otniel, figlio di Kenaz, morì.
12. Gli Israeliti ripresero a fare ciò che è male agli occhi del Signore; il Signore rese forte Eglon, re di Moab, contro Israele, perchè facevano ciò che è male agli occhi del Signore.
13. Eglon radunò intorno a sè gli Ammoniti e gli Amaleciti, fece una spedizione contro Israele, lo battè e si impadronì della città delle Palme.
14. Gli Israeliti furono schiavi di Eglon, re di Moab, per diciotto anni.
15. Poi gridarono al Signore ed egli suscitò loro un liberatore, Eud, figlio di Ghera, Beniaminita, che era mancino. Gli Israeliti mandarono per mezzo di lui un tributo a Eglon re di Moab.
16. Eud si fece una spada a due tagli, lunga un gomed, e se la cinse sotto la veste, al fianco destro.
17. Poi presentò il tributo a Eglon, re di Moab, che era uomo molto grasso.
18. Finita la presentazione del tributo, ripartì con la gente che l`aveva portato.
19. Ma egli, dal luogo detto Idoli, che è presso Gàlgala, tornò indietro e disse: "O re, ho una cosa da dirti in segreto". Il re disse: "Silenzio!" e quanti stavano con lui uscirono.
20. Allora Eud si accostò al re che stava seduto nel piano di sopra, riservato a lui solo, per la frescura, e gli disse: "Ho una parola da dirti da parte di Dio". Quegli si alzò dal suo seggio.
21. Allora Eud, allungata la mano sinistra, trasse la spada dal suo fianco e gliela piantò nel ventre.
22. Anche l`elsa entrò con la lama; il grasso si rinchiuse intorno alla lama, perciò egli uscì subito dalla finestra, senza estrargli la spada dal ventre.
23. Eud uscì nel portico, dopo aver chiuso i battenti del piano di sopra e aver tirato il chiavistello.
24. Quando fu uscito, vennero i servi, i quali guardarono e videro che i battenti del piano di sopra erano sprangati; dissero: "Certo attende ai suoi bisogni nel camerino della stanza fresca".
25. Aspettarono fino ad essere inquieti, ma quegli non apriva i battenti del piano di sopra. Allora presero la chiave, aprirono ed ecco il loro signore era steso per terra, morto.
26. Mentre essi indugiavano, Eud era fuggito e, dopo aver oltrepassato gli Idoli, si era messo in salvo nella Seira.
27. Appena arrivato là, suonò la tromba sulle montagne di Efraim e gli Israeliti scesero con lui dalle montagne ed egli si mise alla loro testa.
28. Disse loro: "Seguitemi, perchè il Signore vi ha messo nelle mani i Moabiti, vostri nemici". Quelli scesero dopo di lui, si impadronirono dei guadi del Giordano, per impedirne il passo ai Moabiti, e non lasciarono passare nessuno.
29. In quella circostanza sconfissero circa diecimila Moabiti, tutti robusti e valorosi; non ne scampò neppure uno.
30. Così in quel giorno Moab fu umiliato sotto la mano d`Israele e il paese rimase tranquillo per ottant`anni.
31. Dopo di lui ci fu Samgar figlio di Anat. Egli sconfisse seicento Filistei con un pungolo da buoi; anch`egli salvò Israele.

Giudici 4:1-24
1. Eud era morto e gli Israeliti tornarono a fare ciò che è male agli occhi del Signore.
2. Il Signore li mise nelle mani di Iabin re di Canaan, che regnava in Cazor. Il capo del suo esercito era Sisara che abitava a Aroset-Goim.
3. Gli Israeliti gridarono al Signore, perchè Iabin aveva novecento carri di ferro e già da venti anni opprimeva duramente gli Israeliti.
4. In quel tempo era giudice d`Israele una profetessa, Debora, moglie di Lappidot.
5. Essa sedeva sotto la palma di Debora, tra Rama e Betel, sulle montagne di Efraim, e gli Israeliti venivano a lei per le vertenze giudiziarie.
6. Essa mandò a chiamare Barak, figlio di Abinoam, da Kades di N`ftali, e gli disse: "Il Signore, Dio d`Israele, ti dà  quest`ordine: Và, marcia sul monte Tabor e prendi con te diecimila figli di N`ftali e figli di Zàbulon.
7. Io attirerò verso di te al torrente Kison Sisara, capo dell`esercito di Iabin, con i suoi carri e la sua numerosa gente, e lo metterò nelle tue mani".
8. Barak le rispose: "Se vieni anche tu con me, andrò; ma se non vieni, non andrò".
9. Rispose: "Bene, verrò con te; però non sarà tua la gloria sulla via per cui cammini; ma il Signore metterà Sisara nelle mani di una donna". Debora si alzò e andò con Barak a Kades.
10. Barak convocò Zàbulon e N`ftali a Kades; diecimila uomini si misero al suo seguito e Debora andò con lui.
11. Ora Eber, il Kenita, si era separato dai Keniti, discendenti di Obab, suocero di Mosè, e aveva piantato le tende alla Quercia di Saannaim che è presso Kades.
12. Fu riferito a Sisara che Barak, figlio di Abinoam, era salito sul monte Tabor.
13. Allora Sisara radunò tutti i suoi carri, novecento carri di ferro, e tutta la gente che era con lui da Aroset-Goim fino al torrente Kison.
14. Debora disse a Barak: "Alzati, perchè questo è il giorno in cui il Signore ha messo Sisara nelle tue mani. Il Signore non esce forse in campo davanti a te?". Allora Barak scese dal monte Tabor, seguito da diecimila uomini.
15. Il Signore sconfisse, davanti a Barak, Sisara con tutti i suoi carri e con tutto il suo esercito; Sisara scese dal carro e fuggì a piedi.
16. Barak inseguì i carri e l`esercito fino ad Aroset-Goim; tutto l`esercito di Sisara cadde a fil di spada e non ne scampò neppure uno.
17. Intanto Sisara era fuggito a piedi verso la tenda di Giaele, moglie di Eber il Kenita, perchè vi era pace fra Iabin, re di Cazor, e la casa di Eber il Kenita.
18. Giaele uscì incontro a Sisara e gli disse: "Fermati, mio signore, fermati da me: non temere". Egli entrò da lei nella sua tenda ed essa lo nascose con una coperta.
19. Egli le disse: "Dammi un pò d`acqua da bere perchè ho sete". Essa aprì l`otre del latte, gli diede da bere e poi lo ricoprì.
20. Egli le disse: "Stà  all`ingresso della tenda; se viene qualcuno a interrogarti dicendo: Ce` qui un uomo?, dirai: Nessuno".
21. Ma Giaele, moglie di Eber, prese un picchetto della tenda, prese in mano il martello, venne pian piano a lui e gli conficcò il picchetto nella tempia, fino a farlo penetrare in terra. Egli era profondamente addormentato e sfinito; così morì.
22. Ed ecco Barak inseguiva Sisara; Giaele gli uscì incontro e gli disse: "Vieni e ti mostrerò l`uomo che cerchi". Egli entrò da lei ed ecco Sisara era steso morto con il picchetto nella tempia.
23. Così Dio umiliò quel giorno Iabin, re di Canaan, davanti agli Israeliti.
24. La mano degli Israeliti si fece sempre più pesante su Iabin, re di Canaan, finchè ebbero sterminato Iabin re di Canaan.

Salmi 48:9-21
9. Per quanto si paghi il riscatto di una vita,non potrà mai bastare
10. per vivere senza fine,e non vedere la tomba.
11. Vedrà morire i sapienti; lo stolto e l`insensato periranno insieme e lasceranno ad altri le loro ricchezze.
12. Il sepolcro sarà loro casa per sempre, loro dimora per tutte le generazioni, eppure hanno dato il loro nome alla terra.
13. Ma l`uomo nella prosperità non comprende, è come gli animali che periscono.
14. Questa è la sorte di chi confida in se stesso, l`avvenire di chi si compiace nelle sue parole.
15. Come pecore sono avviati agli inferi, sarà loro pastore la morte; scenderanno a precipizio nel sepolcro, svanirà ogni loro parvenza: gli inferi saranno la loro dimora.
16. Ma Dio potrà riscattarmi, mi strapperà dalla mano della morte.
17. Se vedi un uomo arricchirsi, non temere, se aumenta la gloria della sua casa.
18. Quando muore con sé non porta nulla, né scende con lui la sua gloria.
19. Nella sua vita si diceva fortunato: "Ti loderanno, perché ti sei procurato del bene".
20. Andrà con la generazione dei suoi padri che non vedranno mai più la luce.
21. L`uomo nella prosperità non comprende, è come gli animali che periscono.

Proverbi 14:18-19
18. Gli inesperti erediteranno la stoltezza, i prudenti si coroneranno di scienza.
19. I malvagi si inchinano davanti ai buoni, gli empi davanti alle porte del giusto.

Luca 14:25-35
25. Siccome molta gente andava con lui, egli si voltò e disse:
26. "Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo.
27. Chi non porta la propria croce e non viene dietro di me, non può essere mio discepolo.
28. Chi di voi, volendo costruire una torre, non si siede prima a calcolarne la spesa, se ha i mezzi per portarla a compimento?
29. Per evitare che, se getta le fondamenta e non può finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo:
30. Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro.
31. Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila?
32. Se no, mentre l`altro è ancora lontano, gli manda un`ambasceria per la pace.
33. Così chiunque di voi non rinunzia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo.
34. Il sale è buono, ma se anche il sale perdesse il sapore, con che cosa lo si salerà?
35. Non serve né per la terra né per il concime e così lo buttano via. Chi ha orecchi per intendere, intenda".