Isaia 31

1

Guai a quanti scendono in Egitto per cercar aiuto, e pongono la speranza nei cavalli, confidano nei carri perché numerosi e sulla cavalleria perché molto potente, senza guardare al Santo di Israele e senza cercare il Signore.

2

Eppure anch`egli è capace di mandare sciagure e non rinnega le sue parole. Egli si alzerà contro la razza dei malvagi e contro l`aiuto dei malfattori.

3

L`Egiziano è un uomo e non un dio, i suoi cavalli sono carne e non spirito. Il Signore stenderà la sua mano: inciamperà chi porta aiuto e cadrà chi è aiutato, tutti insieme periranno.

4

Poiché così mi ha parlato il Signore: "Come per la sua preda ruggisce il leone o il leoncello, quando gli si raduna contro tutta la schiera dei pastori, e non teme le loro grida né si preoccupa del loro chiasso, così scenderà il Signore degli eserciti per combattere sul monte Sion e sulla sua collina.

5

Come gli uccelli proteggono i loro pulcini, così il Signore degli eserciti proteggerà Gerusalemme; egli la proteggerà, ed essa sarà salvata, la risparmierà ed essa sarà liberata".

6

Ritornate, Israeliti, a colui al quale vi siete profondamente ribellati.

7

In quel giorno ognuno rigetterà i suoi idoli d`argento e i suoi idoli d`oro, lavoro delle vostre mani peccatrici.

8

Cadrà l`Assiria sotto una spada che non è di uomo; una spada non umana la divorerà; se essa sfugge alla spada, i suoi giovani guerrieri saranno ridotti in schiavitù.

9

Essa abbandonerà per lo spavento la sua rocca e i suoi capi tremeranno per un`insegna. Oracolo del Signore che ha un fuoco in Sion e una fornace in Gerusalemme.