Genesi 45

1

Allora Giuseppe non potè più contenersi dinanzi ai circostanti e gridò: "Fate uscire tutti dalla mia presenza!". Così non restò nessuno presso di lui, mentre Giuseppe si faceva conoscere ai suoi fratelli.

2

Ma diede in un grido di pianto e tutti gli Egiziani lo sentirono e la cosa fu risaputa nella casa del faraone.

3

Giuseppe disse ai fratelli: "Io sono Giuseppe! Vive ancora mio padre?". Ma i suoi fratelli non potevano rispondergli, perché atterriti dalla sua presenza.

4

Allora Giuseppe disse ai fratelli: "Avvicinatevi a me!". Si avvicinarono e disse loro: "Io sono Giuseppe, il vostro fratello, che voi avete venduto per l`Egitto.

5

Ma ora non vi rattristate e non vi crucciate per avermi venduto quaggiù, perché Dio mi ha mandato qui prima di voi per conservarvi in vita.

6

Perché già da due anni vi è la carestia nel paese e ancora per cinque anni non vi sarà né aratura né mietitura.

7

io mi ha mandato qui prima di voi, per assicurare a voi la sopravvivenza nel paese e per salvare in voi la vita di molta gente.

8

Dunque non siete stati voi a mandarmi qui, ma Dio ed Egli mi ha stabilito padre per il faraone, signore su tutta la sua casa e governatore di tutto il paese d`Egitto.

9

Affrettatevi a salire da mio padre e ditegli: Dice il tuo figlio Giuseppe: Dio mi ha stabilito signore di tutto l`Egitto. Vieni quaggiù presso di me e non tardare.

10

Abiterai nel paese di Gosen e starai vicino a me tu, i tuoi figli e i figli dei tuoi figli, i tuoi greggi e i tuoi armenti e tutti i tuoi averi.

11

Là io ti darò sostentamento, poiché la carestia durerà ancora cinque anni, e non cadrai nell`indigenza tu, la tua famiglia e quanto possiedi.

12

Ed ecco, i vostri occhi lo vedono e lo vedono gli occhi di mio fratello Beniamino: è la mia bocca che vi parla!

13

Riferite a mio padre tutta la gloria che io ho in Egitto e quanto avete visto; affrettatevi a condurre quaggiù mio padre".

14

Allora egli si gettò al collo di Beniamino e pianse. Anche Beniamino piangeva stretto al suo collo.

15

Poi baciò tutti i fratelli e pianse stringendoli a sé. Dopo, i suoi fratelli si misero a conversare con lui.

16

Intanto nella casa del faraone si era diffusa la voce: "Sono venuti i fratelli di Giuseppe!" e questo fece piacere al faraone e ai suoi ministri.

17

Allora il faraone disse a Giuseppe: "Dì ai tuoi fratelli: Fate questo: caricate le cavalcature, partite e andate nel paese di Canaan.

18

Poi prendete vostro padre e le vostre famiglie e venite da me e io vi darò il meglio del paese d`Egitto e mangerete i migliori prodotti della terra.

19

Quanto a te, dá loro questo comando: Fate questo: prendete con voi dal paese d`Egitto carri per i vostri bambini e le vostre donne, prendete vostro padre e venite.

20

Non abbiate rincrescimento per la vostra roba, perché il meglio di tutto il paese sarà vostro".

21

Così fecero i figli di Israele. Giuseppe diede loro carri secondo l`ordine del faraone e diede loro una provvista per il viaggio.

22

Diede a tutti una muta di abiti per ciascuno, ma a Beniamino diede trecento sicli d`argento e cinque mute di abiti.

23

Allo stesso modo mandò al padre dieci asini carichi dei migliori prodotti dell`Egitto e dieci asine cariche di grano, pane e viveri per il viaggio del padre.

24

Poi congedò i fratelli e, mentre partivano, disse loro: "Non litigate durante il viaggio!".

25

Così essi ritornarono dall`Egitto e arrivarono nel paese di Canaan, dal loro padre Giacobbe

26

e subito gli riferirono: "Giuseppe è ancora vivo, anzi governa tutto il paese d`Egitto!". Ma il suo cuore rimase freddo, perché non poteva credere loro.

27

Quando però essi gli riferirono tutte le parole che Giuseppe aveva detto loro ed egli vide i carri che Giuseppe gli aveva mandati per trasportarlo, allora lo spirito del loro padre Giacobbe si rianimò.

28

Israele disse: "Basta! Giuseppe, mio figlio, è vivo. Andrò a vederlo prima di morire!".